Come cambia il mondo

Lei aveva vissuto in quel periodo dove tanto politica quanto la religione, erano una questione di fede.

104

Come cambia il mondo. Questo è l’incipit di un mio racconto non ancora pubblicato, mi diverte rileggerlo quando sento tesi esistenziali innovative. Lo condivido e magari strapperà un sorriso ai giovani di ieri.

“Tramontana e pioggia ghiacciata, camminavo in fretta con la testa altrove, le mani affondate nelle tasche del paltò e quel cavolo di colbacco in testa. Gli amici credevano fosse un vezzo da pseudo intellettuale, in realtà speravo solo che quelle ridicole appendici da cocker che coprivano collo e orecchie, mi evitassero nuovi attacchi di cervicale. Quei vecchi modi di pensare mi facevano sorridere, un tipo di cappello e sei di sinistra, una catenina e sei credente, proprio io che avevo tutt’e due e facevo a cazzotti tanto con i politici quanto con i preti. La cervicale era un regalo dell’anagrafe e la catena me l’aveva lasciata la mia povera nonna e non credo che con quell’eredità, intendesse far di me un bacia pile.

Lei aveva vissuto in quel periodo dove tanto politica quanto la religione, erano una questione di fede.

Così capitava che la gente andasse a raccontare i fatti propri al prete per alleggerirsi o cercar consiglio e finivano poi tenuti per i coglioni. Per quanto riguardava la politica le cose andavano un po’ diversamente, era ereditaria, così non comportava sforzi mentali e comunque, un amico nel posto giusto, poteva sempre far comodo. Dai suoi esponenti piovevano solo parole vuote a sostegno di tesi esistenziali scalcagnate sponsorizzate dalla neonata tv che, sempre secondo mia nonna, era dispensatrice di verità innegabili. Le due fedi avevano un obiettivo comune: il consenso. Io sono stato più fortunato e vivo in tempi migliori. Oggi tutto è cambiato e sono al riparo da plagi e opere di persuasione, almeno questo è quello che dicono i media … un vivere illuminato dalla verità e in continuo divenire, dove nulla è più come un tempo e tutto è possibile per tutti. Eh, sì…tutto un altro mondo.”

Come cambia il mondo – Racconto di Stema